La legislazione in materia - GRUPPODONATORISANGUE_BI

Vai ai contenuti
Assenze dal lavoro per la donazione
La legge prevede in maniera generica per tutti i contratti collettivi  nazionali che per poter usufruire dei permessi dal lavoro per donazione  di sangue il quantitativo minimo della donazione deve essere pari almeno a 250  grammi.
Il lavoratore può fruire di un riposo compensativo di 24  ore decorrenti dal momento in cui il lavoratore si è assentato dal  lavoro per compiere la donazione di sangue, oppure dal momento esatto  della donazione, se l’ora risulta trascritta nell’apposito certificato  medico. Fra gli obblighi del lavoratore vi è quello di avvisare  per tempo il datore di lavoro della sua assenza, con un preavviso minimo  previsto dai vari contratti.
Successivamente il lavoratore dovrà consegnare un valido certificato  medico comprovante l’avvenuta donazione, la quantità di sangue donato, i  dati del lavoratore, del medico e della struttura presso la quale è  avvenuta la donazione.
Per la giornata di assenza per donazione  del sangue, il lavoratore ha diritto a percepire la normale  retribuzione, che il datore di lavoro potrà recuperare dall’INPS tramite  il meccanismo della compensazione. Al lavoratore saranno inoltre  accreditati regolarmente i contributi senza oneri a suo carico, anche in  questo caso a spese dell’INPS. Nel caso dei lavoratori della Banca d'Italia, l'Istituto riconosce oltre al giorno della donazione, il riposo compensativo nella giornata successiva.
La legge tutela il lavoratore anche nel caso in cui si assenti dal  lavoro per la donazione di sangue, ma poi risulti inidoneo alla  donazione. Il Decreto Ministeriale del 18/11/2015 in vigore dal mese di  marzo 2016 (in attuazione della Legge n.219/2005), ha infatti garantito  al lavoratore il diritto a percepire la retribuzione anche in caso di  inidoneità alla donazione.

Legislazione che regola la raccolta del sangue
la raccolta del sangue, la sua conservazione e i requisiti di qualità sono regolati dal decreto del Ministero della salute n°69 del 2 novembre 2015, che reca disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti.
lo stesso decreto comprende alcuni allegati ed in particolare
  • allegato III coi criteri per la selezione del donatore e criteri di esclusione
  • allegato IV coi requisiti fisici richiesti al momento della donazione e gli esami periodici ai quali deve sottoporsi
  • allegato V - indicante i criteri per la raccolta, la preparazione e la conservazione delle sacche di sangue e degli emocomponenti
Ulteriori approfondimenti in merito alle norme emanate anche a livello internazionale, possono essere fatti consultando il sito dell'AVIS nazionale
GRUPPO DONATORI SANGUE BANCA D'ITALIA
aderente ad AVIS Comunale ROMA

Siamo a Roma, in Via Parma 24
recapito telefonico 0647923033  (attiva segreteria telefonica)

        gruppoavis.bi@gmail.com

AVIS Comunale Roma
AVIS Nazionale
powered CAffWeb@2019
Torna ai contenuti