Enti preposti - GRUPPODONATORISANGUE_BI

Vai ai contenuti
In Italia la sicurezza in tutto il comparto di gestione del trattamento della raccolta e della trasfusione del sangue, è garantità dalle attività del Centro Nazionale del Sangue, che vigila su tutta le rete dei centri nazionali di raccolta.


La sorveglianza epidemiologica delle malattie trasmissibili con la trasfusione  è lo strumento su cui si basa la valutazione della sicurezza del sangue  e degli emocomponenti donati. Attualmente, i test di qualificazione  biologica effettuati sui donatori sono costituiti dalla ricerca dei  marcatori sierologici e del genoma virale per le infezioni da virus  dell’epatite B (Hepatitis B Virus, HBV), dell’epatite C (Hepatitis C  Virus, HCV) e dell’AIDS (Human Immunodeficiency Virus, HIV), e dalla  ricerca del marcatore sierologico della lue, come stabilito dal Decreto  Ministeriale del 3 marzo 2005 e dalle sue successive modificazioni.
La sorveglianza della popolazione dei donatori sotto il profilo  infettivologico è strumento irrinunciabile per monitorare la situazione  epidemiologica nazionale e per valutare l’efficienza degli strumenti  impiegati nello screening del sangue e degli emocomponenti nei Servizi  Trasfusionali (ST).
Nell'apposita sezione del sito internet del Centro Nazionale del Sangue, si può approfondire l'argomento, sotto i suoi molteplici aspetti.


un ruolo importante nello scenario nazionale lo riveste il SIMTI, che come riporta il punto 1 dell'articolo 4 del suo Statuto,
  • promuove l'organizzazione di servizi trasfusionali efficienti e  qualificati, al fine di offrire al malato una terapia trasfusionale  adeguata, aggiornata e uniforme per qualità e metodologia in tutto il  territorio nazionale;
  • contribuisce al progresso scientifico, tecnico, organizzativo,  sociale e morale della immunoematologia e della trasfusione del sangue;
  • rappresenta e tutela i propri associati, in campo nazionale e  internazionale, sul piano scientifico, professionale, giuridico e  morale, restando espressamente escluso lo svolgimento di qualsiasi  attività sindacale diretta o indiretta;
  • offre agli organi decisionali e consultivi, dello Stato e delle  Regioni nonché alle Istituzioni impegnate in campo trasfusionale e  immunoematologico, una qualificata collaborazione per la programmazione e  lo sviluppo del servizio trasfusionale del Paese;
  • promuove la formazione e l’addestramento in medicina trasfusionale  anche attraverso iniziative di Educazione Continua in Medicina (ECM)
  • promuove l'organizzazione di servizi trasfusionali efficienti e  qualificati, al fine di offrire al malato una terapia trasfusionale  adeguata, aggiornata e uniforme per qualità e metodologia in tutto il  territorio nazionale;
  • contribuisce al progresso scientifico, tecnico, organizzativo,  sociale e morale della immunoematologia e della trasfusione del sangue;
  • rappresenta e tutela i propri associati, in campo nazionale e  internazionale, sul piano scientifico, professionale, giuridico e  morale, restando espressamente escluso lo svolgimento di qualsiasi  attività sindacale diretta o indiretta;
  • offre agli organi decisionali e consultivi, dello Stato e delle  Regioni nonché alle Istituzioni impegnate in campo trasfusionale e  immunoematologico, una qualificata collaborazione per la programmazione e  lo sviluppo del servizio trasfusionale del Paese;
  • promuove la formazione e l’addestramento in medicina trasfusionale  anche attraverso iniziative di Educazione Continua in Medicina (ECM)
GRUPPO DONATORI SANGUE BANCA D'ITALIA
aderente ad AVIS Comunale ROMA

Siamo a Roma, in Via Parma 24
recapito telefonico 0647923033  (attiva segreteria telefonica)

        gruppoavis.bi@gmail.com

AVIS Comunale Roma
AVIS Nazionale
powered CAffWeb@2019
Torna ai contenuti